• 3472907980
  • info@salernodavivere.it

Viaggio al centro dei Picentini: Acerno

Viaggio al centro dei Picentini: Acerno

Chi di noi non ha mai desiderato immergersi nella natura più selvaggia, lontano dallo smog cittadino e dal caos metropolitano? Ebbene, Acerno sembrerebbe il posto adatto per abbandonarsi totalmente alla tranquillità e all’aria pulita dei boschi di montagna. Sì, perché Acerno, situata a più di 700 metri sopra il livello del mare, si trova al centro dei Monti Picentini, nella valle del fiume Tusciano, al di sopra quindi del comune omonimo Olevano sul Tusciano.

 

 

 

Di origini ignote (si pensa che le sue radici risalgano addirittura all’età neolitica), essa basa la sua economia soprattutto sull’allevamento e sull’agricoltura: nocciole, fragole e castagne sono infatti la fonte principale di guadagno e di fama del posto, come appunto la Fragolata, di cui parleremo in maniera più approfondita più avanti.

 

 

Un tuffo nella natura

Il paese, che non conta molti abitanti, ha di per sé alcuni punti d’interesse davvero “interessanti”; come già accennato, è immerso nella natura, per questo è una meta ambita dagli amanti dell’escursionismo e del trekking: da qui infatti è possibile giungere sulla cima dello spettacolare Monte Accellica e godere di una vista spettacolare, sia in basso che in alto (di notte è possibile ammirare tutto il firmamento lontano dall’inquinamento luminoso della città).

 

Se a nord-ovest di Acerno troviamo Accellica, a sud-est è situato monte che collega il paese a Campagna: trattasi di Polveracchio, un’oasi naturale immensa la quale cima è tra le più alte dei monti, surclassata dal Cervialto (a nord) e dal Terminio (tra Solofra e Serino).

 

 

Acerno, più che per i monumenti (la maggior parte sono chiese, tra le quali la più importante è quella di San Donato), vanta la presenza di molte grotte naturali: Grotta degli Angeli e Grotta del Bosco di San Lorenzo sono solo due delle innumerevoli caverne che costellano il paesino.

 

Il Santo Patrono

Il Santo Patrono di Acerno è San Donato, festeggiato il 7 agosto, giorno in cui venne decapitato nel lontano 362. Le sue reliquie furono trasportate ad Acerno nel 1612. Ogni anno, durante questa data, gli acernesi si riuniscono per festeggiare il loro protettore, ed è occasione per i turisti per gustare la specialità del posto: la Fragolata.

 

 

 

La specialità da gustare: la Fragolata

Qual è il frutto di bosco che per antonomasia caratterizza l’estate? La fragola, ovviamente, e questo gli acernesi lo sanno bene!

In occasione dei festeggiamenti del Santo protettore, ma in qualsiasi momento della stagione estiva, soprattutto metà luglio, mese in cui è stata dedicata una festa al celebre dessert, con spettacoli e stand vari, è possibile degustare questo dolce caratteristico per la sua preparazione e il suo sapore.

 

Gli ingredienti della Fragolata, infatti, sono tutt’altro che comuni “fragole”: esse crescono selvagge nel territorio del comune salernitano, e, per rendere omaggio alle specialità dei territori limitrofi, vengono servite in una coppa di ceramica di Vietri, accompagnate dal limone sfusato di Amalfi e liquore Strega di Benevento, il tutto concluso con una bella spruzzata di panna montata!

Insomma, se i monti Picentini non sono abbastanza conosciuti a livello turistico, questo è un ottimo motivo per rimediare, magari gustando una bella coppa di fragole sotto al cielo stellato di Acerno!

Alfonso Gargano

Invia il messaggio